PROGETTO EDUCAZIONE PERMANENTE REALIZZATO

CON IL CONTRIBUTO DELL’ASSESSORATO REGIONALE

AA.BB.CC. e P.I. DELLA REGIONE SICILIA

Il nostro Circolo da diversi anni mette in atto, all’interno della programmazione didattica, progetti e laboratori che hanno come obiettivo lo studio del territorio con l’intento di far conoscere e valorizzare il nostro patrimonio archeologico ed architettonico. La fondazione della chiesa di San Marco risale ad un periodo compreso tra il XII e l’XI secolo d.C. per opera del conte normanno Enrico Alarico e di suo figlio Simone.

All’interno del Progetto di Educazione Permanente inserito nel P.O.F. 2013-14, si  è svolto il laboratorio “La Chiesa di San Marco” con la partecipazione degli alunni delle classi 5°A-B-E-F., che si sono impegnati da aprile a giugno 2014, guidati dalle insegnanti Cavallaro Maria Rosa, Corsaro Barbara e dall’esperto esterno, Giuseppe Barbagiovanni, di SiciliAntica, sede di Paternò, nello studio e conoscenza della Chiesa di San Marco.

Il laboratorio si è proposto, tra i suoi obiettivi principali quello di favorire una visione globale degli aspetti culturali, storici ed umani del nostro passato, per agevolare la conoscenza positiva del presente perché solo attraverso una reale conoscenza del passato, visto sotto il diverso aspetto della storia della conoscenza dei monumenti e delle nostre tradizioni, gli alunni possono approcciarsi ad una realistica ed efficace comprensione del presente.

1) Nella fase iniziale gli alunni sono stati guidati, con la visione di filmati, schede e documenti, alla conoscenza delle diverse civiltà che si sono succedute in Sicilia e presenti nel nostro territorio dalla preistoria alla civiltà greca, romana, araba fino ad arrivare alla dominazione normanna. 

Gli alunni hanno avuto modo di conoscere ed apprezzare, attraverso le immagini, i siti archeologici sparsi nel nostro territorio confrontandole con gli avvenimenti storici studiati nella storia, ammirando i diversi reperti ritrovati e che oggi si trovano esposti in diversi musei nazionali e nel Museo  archeologico “Gaetano Savasta” di Paternò, soffermandosi maggiormente sui monumenti presenti sulla Collina storica, il Castello normanno, la chiesa di Santa Maria dell’Alto, la chiesa di Santa Maria della Valle di Josaphat (Gancia) e sulla Chiesa di San Marco, appena sotto la Collina.

2)Una volta suscitata negli alunni la curiosità per i reperti e per i monumenti presenti nella nostra città hanno visitato e conosciuto dal vivo quanto studiato in classe. Nel Museo archeologico “Gaetano Savasta” hanno ammirato i vari reperti ritrovati nelle aree archeologiche di Tre Fontane, Poggio Monaco, Pietralunga, Salinelle, frutto di lunghi anni di scavi portati avanti dalla Sovrintendenza archeologica di Catania e hanno toccato i resti degli scheletri che sono stati recuperati nello scavo accanto alla chiesa di Santa Maria della Valle di Josaphat  (Gancia). Successivamente hanno visitato il Castello Normanno, i resti del sito antistante la chiesa di Cristo al Monte, la chiesa di Santa Maria dell’Alto, la chiesa di Santa Maria della Valle di Josaphat (Gancia), il convento dei frati Cappuccini e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, la scalinata monumentale fino “alla porta del Borgo” che una volta separava il colle dalla città bassa.

L’escursione si è conclusa con una visita più approfondita e accurata, poiché doveva essere oggetto della loro ricerca, della chiesa di San Marco.

3)Con la visita alla Biblioteca comunale gli alunni hanno visionato e studiato diversi testi storici soffermandosi in modo particolare sui due testi di Salvo Di Matteo “Nove Secoli di storia “ e “ Paternò - La storia e la civiltà artistica” che trattano ed illustrano la storia della chiesa presente nel nostro territorio a partire dal1185e luogo di intensa attività religiosa, almeno fino al 1866, anno in cui furono soppressi gli ordini religiosi in seguito all’unificazione del Regno d’Italia.

4) Ritornati in classe hanno visionato un filmato sia sulla storia che sulla struttura architettonica e sugli affreschi delle dottoresse Maria Carmela Crisafi e Rosa Maria Crisafi “Un inedito episodio artistico medievale”, consentendo così ai nostri alunni di conoscere non solo la storia e gli affreschi della chiesa di San Marco, ma di vedere il degrado in cui versava prima dell’acquisto da parte del Comune.

Nell’anno duemila, sindaco la professoressa Graziella Ligresti, la chiesa di San Marco fu acquistata dal Comune di Paternò, dopo lunghe trattative con i proprietari, che l’avevano adibitaa deposito di attrezzi agricoli e pollaio e vi aveva costruito, attaccato alla facciata, un edificio privato, per trenta milioni di vecchie lire.

Subito dopo è stata restaurata sotto la supervisione della Soprintendenza ai beni culturali di Catania, restituendo così alla città di Paternò questo piccolo gioiello che con i dipinti restaurati rappresentano un patrimonio di inestimabile valore: sono essi, infatti, tra i pochissimi esempi di affreschi medievali insieme a quelli della Cappella di San Giovanni del nostro Castello.

5)Durante la visita alla chiesa gli alunni guidati da Barbagiovanni e dalle dott.sse Crisafi hanno appreso nei dettagli la storia e fotografato i dipinti restaurati, che si sono rivelati estremamente utili per il successivo lavoro che è stato svolto in classe:

6)infatti, attraverso la tecnica del “rigatino” si sono approcciati alle prime tecniche di restauro, hanno riprodotto gli affreschi fotografati e descritto architettonicamente la struttura della chiesa e dei dipinti.

Il progetto ha realizzato tutte le finalità che si era prefissato perché tutte le attività sono state sviluppate sul campo attraverso il metodo della ricerca-azione.

Nello studio della chiesa e del territorio gli alunni sono stati impegnati in attività di esplorazione dell’ambiente urbano, nell’analisi dei documenti, nella disamina di una o più fonti per ricostruire la storia della propria città e della chiesa di San Marco.

Tutto il lavoro è stato raccolto e documentato in CD.

                                                                           

(Cliccare sull’immagine . . . attendere il caricamento,

sfogliare il Flipbook e . . . Buona lettura !)

 

La chiesetta di San Marco

Notizie

Comunicazione obblighi vaccinali a.scol. 2017/2018

16 Set, 2017

Si comunica al personale docente ed ATA che previa comunicazione dell’USR,…

Circolare Miur-Salute dell' 01/09/2017 con le disposizioni concernenti i vaccini per l’anno scolastico 2017/2018

01 Set, 2017

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero della…

Vaccino

Obbligo di presentazione della documentazione vaccinale

31 Ago, 2017

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha inviato al nostro…

"Insegnare a tutti", al Miur evento dedicato a Don Milani

24 Lug, 2017

"Insegnare a tutti"
Al Miur evento dedicato a Don Milani
Il saluto di Mattarella:…

Alla scoperta delle nostre radici

20 Lug, 2017

ALLA SCOPERTA

DELLE NOSTRE RADICI

LABORATORIO DI…

lab

Laboratorio “ In volo sulla Sicilia : al di là dell’oblio - Cultura e Tradizioni”

20 Lug, 2017

“Nel dialetto è la storia del popolo che lo parla; e dal dialetto siciliano, così…

Educazione permanente: Il Castello Normanno

20 Lug, 2017

IL CASTELLO NORMANNO DI PATERNO’ (CT)

 

PROGETTO EDUCAZIONE PERMANENTE…

Educazione permanente: La Chiesa di Santa Maria in valle di Josaphat a Paternò (CT)

20 Lug, 2017

LA CHIESA DI SANTA MARIA

IN VALLE DI JOSAPHAT

PATERNO’ (CT)

PROGETTO EDUCAZIONE…

calendario
Maturita 2017

Maturità 2017

31 Mag, 2017

Entra nel vivo l’organizzazione degli Esami di Maturità. La Ministra…

Immagine

Docenti, come spendere i 500 euro

28 Nov, 2016

Dal 2015 gli oltre 740.000 docenti di ruolo della scuola italiana hanno a…

Immagine

PON, on line il nuovo sito web dedicato

28 Nov, 2016

Nuovo look per il portale dedicato ai Fondi Strutturali Europei – Programma…

Immagine

Dal MIUR: Bando Social Impact Finance

28 Nov, 2016

Sviluppare prototipi sperimentali di modelli e strumenti sul tema della Finanza a…

URP

III Circolo - Paternò

Via Pietro Lupo, 131

Tel: 095 841296

Fax: 095 841196

ctee06900d@istruzione.it

PEC: ctee06900d@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. ctee06900d
Cod. Fisc. 80012280873
Fatt. Elett. UF065B

Area riservata